La Cataratta

La cataratta è una progressiva perdita di trasparenza del cristallino dell’occhio, una piccola lente a forma di lenticchia posta dietro l'iride colorata, al centro della pupilla. Tale opacizzazione impedisce totalmente il passaggio della luce necessaria ad una visione nitida.

Visione normale
Visione normale

Visione con cataratta
Visione con cataratta

Diversi fattori possono causare l’insorgere della cataratta: l’età, i traumi, malattie come il diabete, l’uso prolungato di certi farmaci o fattori ereditari.

La cataratta può svilupparsi rapidamente o può essere lenta e progressiva. I sintomi più frequenti che il paziente avverte consistono in una riduzione o fluttuazione della capacità visiva, in una sensazione di facile abbagliamento e, piuttosto frequentemente, in un peggioramento della visione contro luce e in un falso miglioramento della visione da vicino.

La tecnica chirurgica

Vi sono diversi metodi universalmente accettati e tutti efficaci.
Sarà il chirurgo a scegliere, per ogni paziente, la tecnica più appropriata.

Dopo l'intervento

Una volta a casa, il paziente dovrà instillare alcune gocce di collirio nell’occhio su cui è stato eseguito l’intervento, per un periodo che andrà da due a quattro settimane e dovrà evitare di comprimere o lavare l'occhio.

Per circa una settimana userà occhiali scuri per proteggere l’occhio dalla luce diurna e durante il riposo notturno dovrà applicare un'apposita protezione in plastica.

Durante questo periodo, il paziente potrà avvertire un leggero fastidio nella zona oculare accompagnato da arrossamento e lacrimazione : si tratta di sintomi del tutto normali destinati a sparire in breve tempo.

Anche la visione per qualche tempo potrà subire fluttuazioni fastidiose a causa di un lieve astigmatismo fisiologico conseguente all’intervento.
Anche questo sintomo diminuirà progressivamente e il paziente raggiungerà il massimo della chiarezza visiva.